Patrocinio Comune di Tivoli
Con il patrocinio del Comune di Tivoli, Assessorato al Turismo
Assessorato al Turismo

Ettore Roesler Franz, cittadino onorario di Tivoli

Ettore Roesler Franz può essere considerato uno dei più grandi rappresentanti della pittura realistica di fine Ottocento e non un semplice "fotografo" e "cartolinaro"come alcuni critici in passato hanno sostenuto. Il realismo dei suoi acquarelli è inoltre (ma non solo) una documentazione storica di scorci urbani ed extraurbani che stavano scomparendo e venivano modificati.
Nacque l'11 Maggio 1845 a Roma da Luigi e Teresa Biondi. La sua famiglia di origine tedesca dai lontani Sudeti era giunta in Italia nel sec.XVIII e nella Città Eterna aveva aperto l'Hotel d'Allemagne, situato in un punto importantissimo della Roma di quel tempo ma ancora oggi particolarmente centrale, essendo non molto distante da Piazza di Spagna e da Via Condotti. Innumerevoli gli ospiti illustri dell'Allemagne: Stendhal, Wagner, Goethe tanto per citare alcuni.

Ettore Roesler Franz - Ritratto di A.Scalpelli
Ingrandisce foto E.R.Franz - Ritratto di A.Scalpelli

I Roesler Franz misero radici sempre più solide a Roma ed attraverso matrimoni con aristocratici locali divennero sempre più una famiglia in vista ed ammirata tanto che alcuni sonetti romaneschi del grande poeta Belli vi accennano. Chiaramente essendo così vicino a Piazza di Spagna il futuro pittore frequentò le Scuole cristiane di Trinità dei Monti. Nel 1863 il suo amico e coetaneo Ettore Ferrari, che con lui frequentava l'Accademia di San Luca, gli fece uno stupendo ritratto a pastello.

Molti anni più tardi, per la precisione cinque prima della sua morte, il pittore torinese Balla lo ritrasse a Villa d'Este; era il 1902. Questo ritratto ad olio fu così perfetto che il suo autore fu ammesso per la prima volta alla Biennale Internazionale d'Arte di Venezia (1903).
Il motto che guidò per tutta la vita Ettore Franz Roesler fu "La sincerità fa l'artista grande"; il pittore lo fece incidere sull'ingresso del suo nuovo studio romano situato a Piazza San Claudio 96 (infatti fino al 1875 invece aveva lo studio in Via del Bufalo 133). Per riprodurre nei minimi particolari ciò che desiderava dipingere e quindi essere fedele alla massima che si era data, Ettore si aggirava per le campagne, fra i reperti monumentali, fra i vicoli e le piazze caratteristiche affollate da personaggi locali tipici munito di macchina fotografica con la quale immortalava paesaggi e figure onde ritrarli nei minimi dettagli.

E.R.Franz - Piazza dell'Olmo
Ingrandisce foto Piazza dell'Olmo - E.R.Franz

Bellissimi sono i 120 acquarelli suddivisi in tre serie da 40 ciascuna su " Roma Sparita" che egli definiva come "Roma pittoresca/ memorie di un'era che passa". Essi rappresentano un'opera artistica di grande importanza ed anche una testimonianza storica permettendoci di conoscere gli angoli più tipici della città prima che fossero demoliti.

I suoi acquarelli furono esposti a Monaco di Baviera, a Berlino, a Parigi, a Londra, a San Pietroburgo, a Dresda, a Stoccarda ed ovunque la delicatezza dei colori, la perfetta riproduzione del vero nei minimi dettagli, la vita giornaliera popolaresca dei tanti vicoli, cortili, piazze, lavatoi da lui fissata nelle sue opere fecero sì che fosse conosciutissimo non solo in Italia ma anche all'estero anche perché viaggiò moltissimo facilitato in ciò dalla sua approfondita conoscenza delle lingue.

Avanti >>

Nei dintorni


Approfondimenti