Patto per la lettura "Città che legge"

Tivoli, 7 novembre 2017

ANCHE A TIVOLI “IL PATTO PER LA LETTURA”. VENERDI’ 10 NOVEMBRE LA SOTTOSCRIZIONE IN MUNICIPIO.

 

Sarà sottoscritto venerdì 10 novembre in municipio il “Patto di Tivoli per la lettura”. L’appuntamento per istituti scolastici, associazioni e organizzazioni che intendono aderire è alle ore 11:30, nella sala consiliare di Palazzo San Bernardino.

 

 

Mutuato da un’esperienza spagnola, il ’Patto per la lettura’ è uno strumento di governance delle politiche di promozione del libro e della lettura, adottato dal Cepell (Centro per il libro e per la lettura, istituto del Mibact) e proposto a istituzioni pubbliche e soggetti privati, che individuano nella lettura una risorsa strategica su cui investire e un valore sociale da sostenere attraverso un’azione coordinata e congiunta tra i diversi protagonisti presenti sul territorio.

La sottoscrizione del “Patto di Tivoli per la lettura” ha come ideale di fondo la condivisione dell’idea che la lettura, declinata in tutte le sue forme, sia un bene comune su cui investire per la crescita culturale dell’individuo e della società, uno strumento straordinario per l’innovazione e lo sviluppo economico e sociale del territorio.

Il Patto si prefigge di ridare valore all’atto di leggere come momento essenziale per la costruzione di una nuova idea di cittadinanza, in particolare mira a:

• riconoscere l'accesso alla lettura quale diritto di tutti;

• rendere la pratica della lettura un’abitudine sociale diffusa e promuovere, attraverso la lettura, l'apprendimento permanente;

• avvicinare alla lettura:

a. i non lettori, con particolare riferimento alle famiglie in cui si registra un basso livello di consumi culturali;

b. i bambini sin dalla prima infanzia e, ancor prima, dalla gravidanza della madre; c. i nuovi cittadini.

• allargare la base dei lettori abituali e consolidare le abitudini di lettura, soprattutto nei bambini e ragazzi;

• favorire un’azione coordinata e sistematica di moltiplicazione delle occasioni di contatto e di conoscenza fra i lettori e chi scrive, pubblica, vende, presta, conserva, traduce e legge libri, dando continuità e vigore alle iniziative di promozione della lettura già collaudate, sviluppandone sempre di nuove e innovative e creando ambienti favorevoli alla lettura.

I sottoscrittori del "Patto di Tivoli per la lettura" impegnano le rispettive organizzazioni a sostenere e supportare nel tempo la “rete territoriale” per la promozione della lettura e a coinvolgere tutti i soggetti (imprenditori, associazioni, cittadini, etc.) che a livello locale desiderano offrire il loro contributo alla crescita civile, culturale, sociale dei propri concittadini attraverso la partecipazione alle diverse iniziative di promozione della lettura.

In particolare i firmatari:

• condividono e fanno propri gli obiettivi del patto e le azioni ad esso collegate;

• mettono a disposizione risorse e strumenti propri o procurandoli dal territorio;

• collaborano alla diffusione del patto e delle informazioni su programmi, progetti e obiettivi del patto;

• favoriscono l’adesione al patto e ai suoi programmi delle strutture locali su cui hanno competenza;

• promuovono azioni e iniziative proprie nel quadro generale del progetto e percorsi formativi e di approfondimento sui temi della lettura.

 

IL PATTO DI TIVOLI PER LA LETTURA IN DIECI PUNTI

 

1. È uno degli strumenti per rendere la lettura un’abitudine sociale diffusa, riconoscendo il diritto di leggere come fondamentale per tutti i cittadini.

2. Si fonda su un’alleanza tra tutti i soggetti che individuano nella lettura una risorsa strategica ed è aperto alla partecipazione di chi condivide l’idea che leggere sia un valore su cui investire.

3. Punta ad avvicinare alla lettura chi non legge e a rafforzare le pratiche di lettura nei confronti di chi ha con i libri un rapporto sporadico, per allargare la base dei lettori abituali.

4. Punta a stimolare il protagonismo dei lettori come promotori del piacere di leggere.

5. Punta ad aiutare chi è in difficoltà: leggere nelle carceri, negli ospedali, nei centri di accoglienza, nelle case di riposo è un’azione positiva che crea coesione sociale.

6. Promuove la conoscenza dei luoghi della lettura e delle professioni del libro.

7. È un moltiplicatore di occasioni di contatto con i libri nei diversi luoghi e momenti della vita quotidiana.

8. Lavora utilizzando stili, tempi e modalità opportunamente progettati e privilegia le azioni continuative.

9. Sperimenta nuovi approcci alla promozione della lettura e si propone di valutarne rigorosamente i risultati e gli effetti prodotti.

10. Ritiene che la lettura sia una delle chiavi per diventare cittadini del mondo.

 

Si invitano le istituzioni (biblioteche, scuole, strutture sanitarie, ecc.), imprese e soggetti privati  (associazioni culturali, enti sociali, cooperative, media locali, professionisti legati alla filiera del libro, ecc.) a comunicare la propria adesione al Patto entro e non oltre le ore 18 di giovedì 9 novembre inviando un messaggio di posta elettronica all’indirizzo biblioteca@comune.tivoli.rm.it. Si potrà aderire anche successivamente alla sottoscrizione di venerdì 10.

Per informazioni: biblioteca comunale telefono 0774332793

                                                           Testo del “Patto di Tivoli per la lettura”

 

PATTO DI TIVOLI PER LA LETTURA

 

Oggi .. novembre 2017 nella Sala Consiliare del Comune di Tivoli sono convenuti i firmatari del Patto di Tivoli per la lettura.

 

Il Patto di Tivoli per la lettura è lo strumento di governance delle politiche di promozione del libro e della lettura adottato dal Comune di Tivoli e condiviso da istituzioni pubbliche e soggetti privati, che individuano nella lettura una risorsa strategica su cui investire e un valore sociale da sostenere attraverso un’azione coordinata e congiunta a livello locale.

I firmatari del Patto di Tivoli condividono l’idea che la lettura, declinata in tutte le sue forme, sia un bene comune su cui investire per la crescita culturale dell’individuo e della società, uno strumento straordinario per l’innovazione e lo sviluppo economico e sociale del territorio.

 

Finalità

 

Il Patto di Tivoli per la lettura si prefigge lo scopo di ridare valore all’atto di leggere come momento essenziale per la costruzione di una nuova idea di cittadinanza, in particolare mira a:

 

  • riconoscere l'accesso alla lettura quale diritto di tutti;

  • rendere la pratica della lettura un’abitudine sociale diffusa e promuovere, attraverso la lettura, l'apprendimento permanente;

  • avvicinare alla lettura:

  • a. i non lettori, con particolare riferimento alle famiglie in cui si registra un basso livello di consumi culturali;

  • b. i bambini sin dalla prima infanzia e, ancor prima, dalla gravidanza della madre;

  • c. i nuovi cittadini.

  • allargare la base dei lettori abituali e consolidare le abitudini di lettura, soprattutto nei bambini e ragazzi;

  • favorire un’azione coordinata e sistematica di moltiplicazione delle occasioni di contatto e di conoscenza fra i lettori e chi scrive, pubblica, vende, presta, conserva, traduce e legge libri, dando continuità e vigore alle iniziative di promozione della lettura già collaudate, sviluppandone sempre di nuove e innovative e creando ambienti favorevoli alla lettura.

 

 

Impegni

 

I firmatari del Patto di Tivoli per la lettura impegnano le rispettive organizzazioni a sostenere e supportare la “rete territoriale” per la promozione della lettura, coinvolgendo i soggetti che a livello locale possono offrire il loro contributo, in base alle rispettive capacità e competenze. In particolare i firmatari:

 

  • condividono e fanno propri gli obiettivi del patto e le azioni ad esso collegate;

  • mettono a disposizione risorse e strumenti propri o procurandoli dal territorio;

  • collaborano alla diffusione del patto e delle informazioni su programmi, progetti e obiettivi del patto;

  • favoriscono l’adesione al patto e ai suoi programmi delle strutture locali su cui hanno competenza;

  • promuovono azioni e iniziative proprie nel quadro generale del progetto e percorsi formativi e di approfondimento sui temi della lettura.

 

 

 

Strumenti

 

Il Patto di Tivoli per la lettura individua i seguenti strumenti per lo svolgimento della sua attività:

 

  • Tavolo di Coordinamento e monitoraggio

Composto da diverse figure in rappresentanza dei vari ambiti della filiera del libro.

Compiti e obiettivi : definire il piano biennale degli obiettivi, monitorare l’andamento delle attività e individuare gli indicatori sulla base dei qual verificare periodicamente l’efficacia delle azioni di progetto, istituire i tavoli tematici, promuovere e sollecitare azioni atte a favorire la più ampia adesione al patto della lettura.

 

  • Tavoli tematici operativi

Composti dai rappresentanti del Comune di Tivoli e altri soggetti di volta in volta individuati dal Tavolo di Coordinamento.

Compiti e obiettivi : declinare in attività e programmi gli obiettivi definiti dal Tavolo di Coordinamento.

 

  • Pagina web istituzionale dedicata

 

 

IL PATTO DI TIVOLI PER LA LETTURA IN DIECI PUNTI

 

1. È uno degli strumenti per rendere la lettura un’abitudine sociale diffusa, riconoscendo il diritto di leggere come fondamentale per tutti i cittadini.

2. Si fonda su un’alleanza tra tutti i soggetti che individuano nella lettura una risorsa strategica ed è aperto alla partecipazione di chi condivide l’idea che leggere sia un valore su cui investire.

3. Punta ad avvicinare alla lettura chi non legge e a rafforzare le pratiche di lettura nei confronti di chi ha con i libri un rapporto sporadico, per allargare la base dei lettori abituali.

4. Punta a stimolare il protagonismo dei lettori come promotori del piacere di leggere.

5. Punta ad aiutare chi è in difficoltà: leggere nelle carceri, negli ospedali, nei centri di accoglienza, nelle case di riposo è un’azione positiva che crea coesione sociale.

6. Promuove la conoscenza dei luoghi della lettura e delle professioni del libro.

7. È un moltiplicatore di occasioni di contatto con i libri nei diversi luoghi e momenti della vita quotidiana.

8. Lavora utilizzando stili, tempi e modalità opportunamente progettati e privilegia le azioni continuative.

9. Sperimenta nuovi approcci alla promozione della lettura e si propone di valutarne rigorosamente i risultati e gli effetti prodotti.

10. Ritiene che la lettura sia una delle chiavi per diventare cittadini del mondo.

 

Con la sottoscrizione del "Patto di Tivoli per la lettura" i firmatari impegnano le rispettive organizzazioni a sostenere e supportare nel tempo la "rete territoriale" per la promozione della lettura e a coinvolgere tutti i soggetti (imprenditori, associazioni, cittadini, etc.) che a livello locale desiderano offrire il loro contributo alla crescita civile, culturale, sociale dei propri concittadini attraverso la partecipazione alle diverse iniziative di promozione della lettura.

 

Il presente "Patto locale per la lettura" viene sottoscritto in data odierna a Tivoli dai rappresentanti delle Istituzioni comunale e scolastica, dagli altri soggetti firmatari ed è aperto all'adesione formale di tutti i soggetti che il Comune di Tivoli individuerà e/o riterrà opportuno e necessario partecipino all'iniziativa.

 

Tivoli, .. novembre 2017


Nei dintorni

Approfondimenti

    Le guide di Tibursuperbum

    Con il patrocinio del Comune di Tivoli, Assessorato al Turismo

    Patrocinio Comune di Tivoli

    Assessorato al Turismo