Inchinata del 1851: cronaca della processione e dell'incoronazione della Madonna delle Grazie

Riportiamo di seguito la descrizione dell'Inchinata che si tenne nel 1851, anno in cui ci fu l'incoronazione della sacra immagine della Madonna delle Grazie, cosý come descritta da padre Stanislao Melchiorri in "Memorie Storiche del culto e venerazione dell'immagine di Maria Santissima venerata in Tivoli nella chiesa di S.Maria Maggiore dei francescani osservanti".

".il priore della universitÓ dei Muratori e i deputati, con analogo programma segnato il di 7 agosto, si mostrarono premurosissimi perchŔ tutto fosse lodevolmente ordinato. Si pens˛ alla direzione dello sparo de' mortaletti usato in cittÓ in qualunque festivitÓ dell'anno commessa a Giuseppe Leonelli e a Stefano Genga in concorso di tutti quelli che a tale mestiere si conoscessero idonei. Nei tre giorni della festa e nei cinque appresso si numerarono cinquemila e novecento colpi sparati in diverse parti delle contrade. Si ordinarono pure tre fuochi artificiali. Il primo veniva preparato da Giovanni Palassini; il secondo da Demetrio Fraschetti; il terzo da Giovanni Astorri, i quali oltre la somma assegnata ebbero dai deputati un premio onorevole, perchŔ superarono l espettazione comune.
Si pass˛ quindi alla illuminazione, e perchŔ furono varie si divisero fra molti capi de' muratori. La illuminazione della facciata della chiesa venne commessa a Benedetto Del Priore, il quale unitamente a Giuseppe Bonfiglietti, la condusse a tale vaghezza, ch'era una meraviglia a vederla. Essa mostravasi tutta rivestita con armature di legno intagliato in gotico, con tela sopra dipintavi del medesimo stile. Sopra quest'armatura erano poste delle luminarie da servire di lume alla notte. Si numerarono duemila lumicini che vi arsero per cinque sere. In mezzo alla facciata della chiesa vedeasi l'immagine della vergine Madre dipinta da Domenico Giuliani, nei piedi della quale era scritto il versetto del libro della Sapienza: Magniftcentia tua in diademate capitis sculpta est. Abbellivano pure la facciata le armi di Sua SantitÓ papa Pio IX, del capitolo canonicale del Vaticano, del cardinale arciprete Mattei, del vescovo di Tivoli, dei monsignori Barbolani e Lucidi e del comune di Tivoli.


Ingrandisce foto Inchinata

Ornatissimo pure appariva l'interno del tempio e per ricchezza de' paramenti e de' fregi, e per vaga illuminazione dei doppieri con bel gusto formata. I deputati elessero a disegnarne la paratura l'egregio Domenico Cartoni ingegnere della Comarca, romano, eseguita con somma lode da Filippo Cartoni pure romano. Colpiva l'occhio dei riguardanti un ricchissimo paliotto di oro in rilievo sopra campo di seta bianca ricamato dalle suore della CaritÓ in Tivoli, colle limosine raccolte da alcune donne aventi a capo Maria Bonfiglietti. Merita lode Vittoria Tronti tiburtina pel dono fatto alla chiesa di un tappeto ricamato in lana, adatto a coprire i gradini di quell'altare. Ma sopratutto Ŕ di essere ricordata S.Eccellenza rma Carlo Gigli vescovo amatissimo della cittÓ che per tributare omaggio di sua divozione alla Vergine le don˛ un bellissimo reliquiario di argento con finezza di arte condotto."

La sera del 14 agosto

Prima del giorno 13 agosto erano state compiute le sagre preci e discorsi morali in preparazione alla gran solennitÓ della Vergine Assunta detti dal m.r.p. Ugolino da Macerata francescano dell'osservanza commissario di Terra Santa. Nel mezzo giorno si annunzi˛ l'avviamento della festivitÓ col suono de' sagri bronzi, con salve moltiplicate di mortaletti sul monte Catillo e coll'armonia delle bande. La cittÓ tutta si vide in gran movimento e pel gaudio degli abitanti di ogni ordine e per l'arrivo de' forestieri accorsi ad onorare la vergine Madre. Era un bel vedere la maggior parte delle abitazioni delle strade pi¨ frequentate abbruttite dalla voracitÓ del tempo, in sý breve imbiancate ea luogo a luogo fregiate di poetiche composizioni ispirate dalla pi¨ fervida divozione verso Maria.


Gaudenzi - L'Inchinata

Sull'imbrunire del giorno 14 giÓ partiva dalla cattedrale basilica la solita solenne processione che finý nel piazzale di S.Francesco coll'incontro delle due sagre immagini del Salvatore e della Vergine. Ai due archi coperti di verdura ove prima ponevano le venerate immagini per farsi a vicenda l'inchino, furono sostituiti quattro angioli di gesso in gran persona, che genuflessi sopra ampie aventi in mano festoni di fiori, formavano arco passaggio delle sagre immagini. Alla illuminazione della cittÓ aggiungevasi pure quella della facciata dell'interno della chiesa, che non poteano esser pi¨ gaie e pi¨ ricche. Le prodigiose effigie furono di fronte a due altari, ove i sacerdoti doveano l'indomani celebrare il divin sagrificio ei fedeli nel vedere da vicino quei sagri dipinti, che spiravano la pi¨ soave commozione di teneri affetti.

Sagre funzioni eseguite nei giorni 15 e 16 agosto

Venne iniziata la festivitÓ della Vergine Assunta in cielo e col suono de' sagri bronzi e collo sparo dei mortaletti in gran numero. A terza si celebr˛ messa solenne dal rmo D. Agapito arcidiacono Proli, primaria dignitÓ della cattedrale basilica. Vi assisterono il vescovo diocesano, il rmo capitolo, gli alunni del seminario e l intero corpo della magistratura. Il sagro rito veniva accompagnato da scelta musica vocale e istrumentale eseguita da cinque professori della vicina capitale e dai dilettanti della cittÓ, composta dall'egregio maestro di cappella della cattedrale basilica sig Ignazio Vergelli. Compiuto il divin sagrificio si rinnov˛ l'incontro delle due sagre immagini come nella sera antecedente nel piazzale di S.Francesco, muovendo quella del Salvatore processionalmente alla cattedrale, e l'altra della Vergine ritornando alla chiesa di S.Francesco. Nelle ore pomeridiane si cant˛ vespro solenne, ed appresso si elogiarono le grandezze della Vergine Assunta con erudita orazione panegirica dell'esimio domenicano p. Giacinto De Ferrari, ed in fine chiuse la solennitÓ il divoto canto delle litanie lauretane.

Alle sagre funzioni si unirono gli spettacoli pubblici. Nella notte vi fu il primo de' fuochi artificiali fuori della porta S.Croce. Tutta quella deliziosa strada era vagamente illuminata come pure il campanile e la facciata della chiesa non che tutte le vie della cittÓ. Il giorno 16 fu pur solenne per la festivitÓ della Vergine Assunta, perchŔ tutte le sagre cerimonie e le dimostrazioni di gioia furono eguali anche in questo. La presenza per˛ di monsignor Brigante Colonna tiburtino vescovo di Recanati e Loreto, per chiarezza di natali e per innocenza di vita ben noto, accrebbe di gran lunga la celebritÓ di un tal giorno, perchŔ invitato alla sua cittÓ per essere a parte della solennitÓ della coronazione della sagra immagine, cant˛ messa pontificale accompagnata da musica vocale e strumentale, a cui facevano corona egualmente il capitolo canonicale, il seminario vescovile e il magistrato. Dopo i vesperi solenni il p. Anacleto da S.Felice de' minori osservanti lettore generale di teologia nel convento di Aracoeli recit˛ una dotta orazione panegirica ad onore della Vergine Assunta. La solennitÓ venne compiuta coll'armonioso canto delle litanie lauretane.

Avanti >>

Nei dintorni

Approfondimenti

    Le guide di Tibursuperbum

    Con il patrocinio del Comune di Tivoli, Assessorato al Turismo

    Patrocinio Comune di Tivoli

    Assessorato al Turismo