“Il giro d'Italia, quello vero...”

Per la tiburtina pass˛ una volta il giro d'italia, la tappa roma-pescara, e noi eravamo lÓ,, ad aspettare, per vedere da vicino i nostri campioni; aspettavamo bartali, coppi, e i gregari che conoscevamo dalle figurine del concorso (ricordate?); ma passavano, dopo un'attesa gioiosa, a tale velocitÓ, che non riuscivamo ad individuarli, confusi com'erano nel gruppo.


Cascata di Tivoli

Cercavamo, ricordo, di cogliere al volo i numeri sulle maglie dei corridori o sulle canne delle biciclette, ma invano; io cercai anche di individuare le maglie della bianchi, la maglia di coppi, di carrera di defilippis, di gismondi, i suoi gregari, ma niente, fu un fugace passaggio di sogno; riconoscemmo solo la maglia nera, l'ultimo in classifica, che pass˛ solo, con ritardo, come sempre; il nome mi rimase nel cuore: malabrocca.

PerchÚ lo riconobbi, lo indicai ai compagni; il giorno dopo a scuola me ne vantai, in classe, come se lo avessi conosciuto di persona, e ne parlavo, ne descrivevo la maglia (che vuoi descrivere, era nera.), ne disegnavo le smorfie sul viso. come amai malabrocca!... Mi fece sentire importante.





Marcello de Santis

Nei dintorni

Approfondimenti

    Le guide di Tibursuperbum

    Con il patrocinio del Comune di Tivoli, Assessorato al Turismo

    Patrocinio Comune di Tivoli

    Assessorato al Turismo