Stati Generali del Paesaggio. Relazione del sindaco Giuseppe Proietti

Comunicato stampa 27 ottobre 2017

“Governare, soprattutto con la qualità progettuale degli interventi di rigenerazione urbana e rurale, la continuità storica delle mirabili trasformazioni del Paesaggio italiano”.
Questa l’esortazione con cui Giuseppe Proietti, Sindaco di Tivoli e già Soprintendente alle Antichità di Roma e Direttore Generale del Paesaggio, ha terminato la sua relazione agli Stati Generali del Paesaggio.
L’Assise Nazionale, conclusa dagli interventi del Sottosegretario Ilaria Borletti Buitoni, del Ministro Dario Franceschini e del Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, ha visto le relazioni di studiosi come gli archeologi Salvatore Settis ed Andrea Carandini; gli architetti Giovanni Carbonara e Stefano Boeri; l’economista Fabrizio Barca; i giuristi Sandro Amorosino e Giuseppe Severini; lo statistico Enrico Giovannini; i Presidenti dell’Istat Giorgio Alleva, dell’Ispra Stefano Laporta, del WWF Donatella Bianchi, di Italia Nostra Oreste Rutigliano, di Legambiente Rossella Muroni; il Cardinale Gianfranco Ravasi Presidente Pontificio Collegio per la Cultura.
Nella sua relazione il Sindaco Proietti ha sottolineato la particolarità del Paesaggio italiano, non mero “immoto” di bellezze naturali, ma mirabile insieme “ costruito” attraverso i millenni da generazioni di urbanisti, architetti ed artisti; portatrici ciascuna di contenuti e valori a volte diversi ma sempre di arricchimento.
Ha poi aggiunto che sarebbe innaturale ingessare la storia, impedendo così alle generazioni contemporanee e future, come hanno avuto modo di fare le tante passate,. di apportare il contributo delle proprie identità e delle proprie culture a quello che solo in virtù del proprio Patrimonio” stratificato” è riconosciuto universalmente come il “ Belpaese”.


Nei dintorni

Approfondimenti

    Le guide di Tibursuperbum

    Con il patrocinio del Comune di Tivoli, Assessorato al Turismo

    Patrocinio Comune di Tivoli

    Assessorato al Turismo